elettromiografia.net - domande e risposte
Sintomi

È importante ricordare che i sintomi vanno sempre riferiti al medico curante, il quale indirizzerà il paziente all'esecuzione degli esami strumentali più idonei e alla valutazione di uno specialista.

I sintomi riportati non devono essere un invito a "farsi diagnosi da soli", ma ad essere consapevoli che alcuni di essi possono essere la spia di un problema neurologico a carico dei nervi o dei muscoli, che potrebbe essere meritevole di approfondimento diagnostico.

Solo a titolo di esempio segnalo quelli che possono essere i disturbi presentati da un paziente con sindrome del tunnel carpale, probabilmente il problema più frequente per cui viene richiesta l'elettromiografia.

La sindrome del tunnel carpale consiste nell'intrappolamento o compressione di un nervo del braccio, il nervo mediano, a livello del polso (carpo). Nella maggior parte dei casi questo problema compare a seguito di ripetute sollecitazioni e sforzi compiuti con le mani, che determinano un'infiammazione a livello dei tessuti che circondano il nervo mediano. I sintomi sono spesso formicolio, dolore o addormentamento di una o entrambe le mani, più spesso ad insorgenza notturna. I sintomi possono interessare tutta la mano, a volte risparmiano il dito mignolo e altre volte possono estendersi all'avambraccio. In questo caso le velocità di conduzione permettono di evidenziare un rallentamento nella conduzione del nervo mediano a livello del carpo e quindi effettuare diagnosi. Lo studio elettromiografico è considerato più sensibile rispetto ad altre metodiche, per esempio l'ecografia o la risonanza magnetica articolare.

Lucio Marinelli, 22 Agosto 2015
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale